Mal di schiena in gravidanza:
i vantaggi del trattamento osteopatico

Il mal di schiena in gravidanza.

È uno dei primi motivi di consulto osteopatico in gravidanza. Il mal di schiena spesso si irradia alle strutture limitrofe come le articolazioni sacro-iliache, il pube e le anche.

Sciatalgie, sindrome del piriforme, pubalgie, sacralgie, sacro-ileiti, compressioni neurologiche del plesso lombosacrale, spesso sono recidive di dolori presenti già prima della gravidanza, o il sintomo di una necessità di supporto nell’accogliere i cambiamenti in atto.

Cambiamenti posturali in gravidanza

Nel corso delle settimane di gravidanza la pancia della mamma, insieme alla crescita dell’utero che accoglie il feto, aumenta di volume. Sotto questa spinta la pancia tende ad accentuare la lordosi lombare, la cifosi dorsale e spostare la testa e le spalle in avanti (Michonski et al., 2016).

Anche la struttura del bacino si modifica, per accogliere la crescita del feto.

Le articolazioni sacro-iliache e il pube diventano più mobili, grazie agli estrogeni e alla relaxina tessutale, una proteina presente nei tessuti muscolo-tendinei e legamentosi, che aumenta in gravidanza, rendendo il bacino più adattabile in vista del parto.

Un paio di accortezze importanti

È sempre bene ricordare a una mamma di confrontarsi con il proprio medico quando ha mal di schiena, soprattutto in due casi:

1.Quando il dolore è particolarmente persistente, per escludere complicanze intercorrenti di natura diversa da quella posturale o muscolo scheletrica;

2.Quando si tratta di un mal di schiena improvviso, associato a crampi ritmici, perché potrebbe trattarsi di un parto pretermine.
Il trattamento osteopatico del mal di schiena in gravidanza.

In seguito ad una attenta valutazione fisica e posturale, l’osteopata è in grado di evidenziare quali sono le strutture del corpo in disfunzione, intendendo per strutture in disfunzione quelle parti del corpo che non sono libere di esprimere un movimento funzionale, diventando la causa diretta o indiretta del sintomo doloroso.


1.Il gruppo Daly, Frame e Rapoza evidenzia un miglioramento della sintomatologia dolorosa della zona sacro-iliaca nel 91% dei casi trattati con manipolazioni osteopatiche.

2.Licciardone e colleghi osservano come il trattamento osteopatico sostenga il buon funzionamento della colonna lombare nel terzo trimestre di gravidanza, supportando il trattamento ostetrico convenzionale.
Consigli per prevenire il mal di schiena

Insieme al trattamento osteopatico è consigliabile seguire un corretto stile di vita e un’alimentazione equilibrata. Inoltre è importante ridurre lo stress emotivo e lavorativo, che si può tradurre in tensioni muscolari nella parte posteriore del corpo.


È bene evitare il sollevamento di pesi e mantenere delle posture corrette, sia statiche che dinamiche.

Le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità del 2020 hanno espresso indicazioni sull’attività fisica prevista per le donne in gravidanza e nel postparto, in assenza di controindicazioni. A ciascuna mamma si consiglia di svolgere almeno 4,5 ore a settimana di attività fisica aerobica di moderata intensità e di praticare uno stretching dolce.

L’attività fisica ha numerosi effetti benefici ma va effettuata nel rispetto delle proprie caratteristiche fisiche e delle proprie abitudini sportive. Gli esercizi più indicati in gravidanza includono la ginnastica dolce, le passeggiate, il nuoto, lo stretching, lo yoga.

Bibliografia:

  1. Jakub Michonski, Katarzyna Walesiak, et all. “Monitoring of spine curvatures and posture during pregnancy using surface topography – case study and suggestion of method”. Scoliosis spinal disord. 2016 Oct 17 11(Suppl 2):31.doi: 10.1186/s13013-016-0099-2.eCollection 2016.
  2. Daly JM, Frame PS, Rapoza PA. “Sacroiliac subluxation: a common, treatable cause of low-back pain in pregnancy”. Fam Pract Res J. 1991;11(2):149-159.
  3. John C Licciardone, Subhash Aryal. “Prevention of progressive back-specific dysfunction during pregnancy: an assessment of osteopathic manual treatment based on Cochrane Back Review Group criteria” J Am Osteopath Assoc. 2013 Oct;113(10):728-36. doi: 10.7556/jaoa.2013.043.
  4. Istituto Superiore di Sanità. Le linee guida 2020 OMS su attività fisica e sedentarietà in gravidanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *